“Nell’amore non c’è timore”, edizione numero 12 per Orvieto in Fiore

Data:
11 maggio 2024
Dal 17 al 19 maggio infiorate, aperitivi floreali e balconi infiorati. In Piazza del Popolo il torneo dei balestrieri per il Palio della Palombella. In programma mostre, esposizioni e un mercato florovivaistico in Piazza della Repubblica

 

(COMUNICAZIONE) ORVIETO – E’ dedicata all’amore l’edizione numero 12 di “Orvieto in Fiore”, la manifestazione che accompagna la città del Duomo nel weekend della Pentecoste e della Palombella, dal 17 al 19 maggio.

Si parte venerdì 17 maggio alle 16 nella Sala consiliare del Comune di Orvieto, come da tradizione, con la selezione e la premiazione dei bozzetti da cui verranno poi realizzate le infiorate. Disegni elaborati dagli studenti delle classi 2A, 2B, 2C, 3C, 3D del Liceo artistico di Orvieto sul tema scelto dal vescovo  di Orvieto e Todi, monsignor Gualtiero Sigismondi, “Nell’amore non c’è timore”, tratto dalle parole del Vangelo di Giovanni.  Subito dopo, nella sala Unità d’Italia, “I fiori musicali di Orvieto“, l’esibizione dei giovani allievi del Maestro Riccardo Cambri alla Scuola comunale di musica “A.Casasole”.

Sabato 18 maggio, dalle 17,30, partirà da piazza Cahen il percorso delle infiorate con la musica della Filarmonica “Luigi Mancinelli” che accompagnerà i giurati nella valutazione dei lavori realizzati dai gruppi di infioratori dei quattro quartieri. Al termine del percorso, intorno alle 19.30, in Piazza San Giovenale si terranno le premiazioni dei concorsi “Aperitivo floreale”, in collaborazione con Maria Rosa Borsetti, e dei “Balconi e vetrine in fiore con i colori dei quartieri”, promosso da Fidapa. Dopo il rinfresco, offerto dalla Strada dei Vini Etrusco-Romana, cena in piazza in collaborazione con i produttori di TraMercato.

Domenica 19 maggio, giorno di Pentecoste, tutti in Piazza Duomo alle 12 per assistere al tradizionale volo della Palombella preludio allo spettacolo del pomeriggio, a partire dalle 16.30 con il corteo dei figuranti con i nuovi costumi realizzati quest’anno che arriverà in Piazza del Popolo per lasciare spazio all’esibizione degli Sbandieratori e musici dei Quartieri e quindi al Torneo dei Balestrieri il cui esito finale, insieme alla classifica delle infiorate, determinerà l’aggiudicazione del Palio della Palombella.

Le altre iniziative

Tante le iniziative collaterali che arricchiscono le tre giornate del programma. Dal 17 al 19 maggio Piazza della Repubblica ospiterà il mercato florovivaistico, artigianale e delle produzioni agricole al cui interno, sabato 18 maggio, si terrà lo Slow Food Day 2024 con il “Laboratorio della Lumachella” curato dalla Condotta di Orvieto in collaborazione con Stefano Pelagri.

Dal venerdì alla domenica quattro diverse mostre ed esposizioni in altrettante location della città: all’atrio di Palazzo dei Sette “Fiori d’amore”, al Museo Greco “Una Rosa per Orvieto” la mostra del merletto orvietano con gli elaborati delle comunità candidate al riconoscimento del merletto come Patrimonio immateriale dell’Unesco, alla chiesa di Sant’Andrea “Voli di pace” con il patchwork realizzato dal Laboratorio dell’Unitre, nell’ex chiesa di Sant’Agostino “Vento di primavera”, l’esposizione degli allievi dell’Ikebana Ohara Chapter Roma, e “I fiori di tufo”, quadri eseguiti da Nata Kulicka.

Sabato 18 maggio, dalle 12 alle 19, aperitivi floreali al Labirinto di Adriano, al Pozzo della Cava e al Teatro Mancinelli ma anche le divagazioni in musica di “Giacomo Leopardi Fiori rari” alle 10.30 al Giardino di Palazzo Sanvitani con Guido Barlozzetti e Riccardo Cambri, e lo spettacolo di danza alle 21.15 in Piazza XXIX Marzo “Mutazione…Oscurità e Colore” a cura della scuola Scarpette Rosse, Agorà e Area 51. 

Tutto il programma su www.orvietodeiquartieri.it

 

pieghevole_2-1 3392

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento
12/05/2024