Servizi demografici

Gli uffici demografici del Comune ricevono solo su appuntamento.

Per le pratiche di Anagrafe (dichiarazioni di residenza, rilascio carte di identità, dichiarazioni sostitutive di atto notorio, prenotazioni di certificati soggetti all’imposta di bollo etc.) e di Stato Civile (dichiarazioni di nascita, di morte, pubblicazioni di matrimonio, procedimenti di cittadinanza etc.) è possibile prendere un appuntamento presso la sede di Via Roma, 3, dal lunedì al venerdì e presso la sede di Piazza della Repubblica dal lunedì al sabato.

Per garantire il più  possibile la  puntualità del servizio ed evitare al contempo inutili attese e assembramenti si invitano i cittadini a non recarsi presso gli uffici senza appuntamento e a rispettare, quanto più rigorosamente possibile, l’orario concordato.

Per assicurare una maggiore fluidità ed efficienza del servizio si continueranno a ricevere e lavorare preferibilmente per via telematica, via email o PEC, tutte le pratiche che possono essere gestite da remoto, come ad esempio i cambi residenza. 

Le certificazioni esenti dall’imposta di bollo possono essere trasmesse in formato digitale a chi lo richieda.


Per informazioni e appuntamenti:

Anagrafe:  anagrafe@comune.orvieto.tr.it - tel. 0763.306755/712/713

Stato civile: statocivile@comune.orvieto.tr.it - tel. 0763.306750/751/714

URP: urp@comune.orvieto.tr.it - tel. 0763.306713



AVVISI

Proroga di validità delle carte di identità

In ragione dell'emergenza epidemiologica,  con Decreto Legge 30 aprile 2021, n. 56 il Consiglio dei Ministri ha introdotto ulteriori proroghe alla validità di documenti di identità e permessi di soggiorno. In particolare:

  • documenti di identità: prorogata al 30 settembre 2021 la validità di quelli con scadenza successiva al 31 gennaio 2020, con l'eccezione della validità per l'espatrio;
  • permessi di soggiorno: prorogati al 31 luglio 2021 quelli in scadenza il 30 aprile. In questo lasso di tempo, gli interessati possono presentare istanza di rinnovo.

  

Novità autocertificazione 

Con l’entrata in vigore della Legge  n. 120 / 2020 art. 30bis l’obbligo di accettare le autocertificazioni è esteso, oltre che alle pubbliche amministrazioni e ai gestori di pubblici servizi, anche ai soggetti privati (banche, assicurazioni, uffici postali aziende etc.).

Il testo unico sulla documentazione amministrativa riconosce ai cittadini la possibilità di dichiarare, sotto la propria responsabilità civile e penale, fatti e circostanze attestati in atti pubblici, allo scopo di semplificare l’attività amministrativa.

In particolare dispone che determinate certificazioni relative a stati, qualità personali e fatti siano sostituite da dichiarazioni sottoscritte dagli interessati.

I soggetti privati che hanno ricevuto l’autodichiarazione potranno appurare la veridicità dei dati forniti presso l’amministrazione detentrice delle informazioni dichiarate, che è tenuta a fornirne conferma scritta, su richiesta del soggetto privato corredata dal consenso del dichiarante.