Data: 30/08/2017

UMBRIA FOLK FESTIVAL: Concerto dell'ORCHESTRA POPOLARE “LA NOTTE DELLA TARANTA”

Giovedì 31 agosto h 21 in Piazza del Popolo ad Orvieto

655/2017 G.M.
COMUNICATO STAMPA
L’ORCHESTRA POPOLARE “LA NOTTE DELLA TARANTA” ad Orvieto per UMBRIA FOLK FESTIVAL 2017  
• Appuntamento Giovedì 31 agosto ore 21 in Piazza del Popolo 
 
(ON/AF) – ORVIETO – 30.08.17 - La seconda serata di UMBRIA FOLK FESTIVAL, Giovedì 31 agosto, in Piazza del Popolo ad Orvieto, è all’insegna dell’energia e della travolgente musica dell’ORCHESTRA POPOLARE “LA NOTTE DELLA TARANTA”, ogni anno protagonista del Concertone finale della Notte della Taranta, il più grande Festival d’Italia e una delle più significative manifestazioni sulla cultura popolare in Europa.
La formazione, composta da musicisti di pizzica e musica popolare di tutto il Salento, è diretta, per ogni edizione, da un diverso Maestro Concertatore (Giovanni Sollima, Ambrogio Sparagna, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi, Goran Bregovic e Stewart Copeland, Raphael Gualazzi…), con cui rivisita il repertorio tradizionale collaborando con noti artisti italiani e internazionali. 
Cresciuta negli anni e con le straordinarie esperienze acquisite con le collaborazioni avute, l’Orchestra Popolare esplora le verità nuove e impellenti della pizzica nell’inevitabile flusso della musica. Esibendosi anche all’estero durante il resto dell’anno, l’Orchestra Popolare rappresenta il formidabile strumento di promozione culturale di un affascinante “mondo nel mondo”. 
La prevendita online è su www.boxol.it e www.umbriafolkfestival.it  
I biglietti sono disponibili, inoltre ad Orvieto, presso il Caffè del Teatro Mancinelli e la Folk Osteria.
Per tutta la durata del Festival, la Taverna Folk a cura del Gruppo Cramst offre la possibilità di gustare un’ampia scelta di piatti tipici, spuntini, menù vari e vini di territorio a tempo di musica. In Piazza della Repubblica si rinnova, inoltre, la tradizionale Folk Fiera - Mercato della Terra e delle Arti, che riunisce tutte le eccellenze enogastronomiche regionali e dell’artigianato tipico.