Data: 27/08/2018

Umbria Folk Festival 12^ edizione. Orvieto, Piazza del Popolo - 29 agosto / 1 settembre 2018

Quattro serate ad ingresso gratuito all’insegna del folk: ritmi, energia, canti, balli, tradizioni musicali e musica popolare dal mondo  

 
COMUNICATO STAMPA n. 662/18 G.M. del 27.08.18 
UMBRIA FOLK FESTIVAL 12^ edizione: ad Orvieto concerti gratuiti di grande qualità - Piazza del Popolo, 29 agosto / 1 settembre  
(ON/AF) – ORVIETO – Dopo i primi concerti svoltisi a Castiglione del Lago, Castelgiorgio e Acquapendente, il #FolkFest2018 entra nel vivo con UMBRIA FOLK FESTIVAL, in programma ad Orvieto dal 29 agosto al 1° settembre, manifestazione organizzata da Associazione TEMA, Associazione Umbria Folk Festival e Comune di Orvieto in collaborazione con Parametrica, Associazione Musicale Adriano Casasole, Filarmonica Luigi Mancinelli, GAL Trasimeno Orvietano, Gruppo Folkloristico Agilla & Trasimeno, Proloco di Castelgiorgio, Comune di Acquapendente, Comitato di Acquapendente Viaggio nella civiltà contadina e artigiana, Spazio Musica, Vertycal, Gelati d’Italia, Festival Nazionale Uisp del Gioco e delle Tradizioni e con il sostegno di MIBACT e Regione Umbria e degli sponsor I.G.C. Impresa Generale Costruzioni eConfagricoltura.
Quattro serate all’insegna del folk in Piazza del Popolo, ancora una volta palcoscenico straordinario di ritmi, energia, canti, balli, tradizioni musicali e musica popolare dal mondo ad INGRESSO GRATUITO
Si comincia mercoledì 29 agosto alle ore 21, con il TRIO LA VILLANELLA e le loro composizioni caratterizzate dall’originale utilizzo della metafora degli animali. Villanelle e moresche “napolitane” si caratterizzano per un originale utilizzo di queste metafore creando una divertente ma spietata analisi dei vizi e delle debolezze dell’uomo. Alcuni canti costituiscono delle vere e proprie massime narrative e l’insegnamento morale che se ne ricava offre un originale spaccato di realtà quotidiana. 
Lo spettacolo attraversa questo grande repertorio italiano, proponendo alcuni esempi storici di villanelle e moresche tipiche della tradizione cinquecentesca ed esempi di trasfigurazione metaforica di uomini in animali nelle opere di tre importanti autori del Novecento, in particolare Viviani, Trilussa e Balilla Pratella. A guidare il Trio l’eccezionale vocalità di Patrizio Trampetti, storico fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare. Nella formazione anche Cristiano Califano chitarra e Arnaldo Vacca percussioni.
Protagonista della serata è anche GINEVRA DI MARCO, una tra le voci più carismatiche del panorama musicale italiano e una tra le ricercatrici più attente all’interno del vasto repertorio della musica popolare, non solo italiana. 
Con lo spettacolo Donna Ginevra e le Stazioni Lunari, l’artista ripercorre gli ultimi anni della sua ricerca musicale, volta a scoprire e riscoprire pezzi della tradizione popolare a partire dal bacino del Mediterraneo fino alle coste del Sudamerica e oltre. In questi anni Ginevra ha incrociato volti, suoni, memorie, ha fatto suoi canti in lingue diverse provenienti da tutto il mondo, ha approfondito tematiche sociali importanti che oggi sono il nodo cruciale del nostro vivere: lavoro, emigrazione, corruzione, condizione della donna, sostenibilità ambientale. 
Durante il concerto un susseguirsi di emozioni e colori diversi danno spazio anche al patrimonio cantautorale a cui Ginevra Di Marco è indissolubilmente legata: Battiato, De Andrè, Modugno sono solo alcuni dei capisaldi che caratterizzano la cifra stilistica della cantante fiorentina. 
Ad accompagnarla in questo viaggio: Francesco Magnelli piano-magnellophoni, Andrea Salvadori chitarre, tzouras.
Umbria Folk Festival prosegue Giovedì 30 agosto con il concerto UNAVANTALUNA che vede protagonisti RICCARDO TESI  & BANDITALIANA; si prosegue Venerdì 31 agosto con ROCCA BENIGNI DUO in MALICANTI e, infine, Sabato 1 settembre con LA FESTA DELLA TERRA. Ovvero: LA COMPAGNIA DE LA PANATELLA in TRISCEBBUSSO, #FOLKFEST ORCHESTRA (già Orchestra Giovanile di Musica Popolare). Ospiti Cherries on a Swing Set e Mariangela Berazzi, LUCILLA GALEAZZI e il Coro Cantieterni.
 
Giunto alla 12^ edizione, Umbria Folk Festival ha allargato i suoi confini attraverso delle “reti di collaborazione” con Enti, Istituzioni, Comuni, Associazioni, progetti che, mettendo insieme forze, risorse, competenze, servizi, attrattori culturali, sono in grado di innescare un processo di rilancio e sviluppo del territorio. Il territorio che circonda Orvieto, dove Umbria Folk Festival è nato nel 2006, è un territorio al confine di Umbria, Lazio e Toscana, luoghi di bellezza paesaggistica, storia, arte, prodotti tipici dell’agricoltura e dell’artigianato. 
La formula vincente che accostando musica, cultura, ricerca e enogastronomia ha dato ad Umbria Folk Festival negli anni un grande successo di pubblico e critica torna ad essere il fondamento della manifestazione #FOLKFEST2018, un nuovo circuito interregionale di musica e cultura folk che, in questa edizione, ha coinvolto non solo Orvieto ma anche territori limitrofi come Castiglione del Lago, Castelgiorgio, Acquapendente. 
La qualità artistica dell’evento è garantita e certificata dall’aggiudicazione del Bando per la Salvaguardia del Patrimonio Musicale Tradizionale emanato dal Mibact.
Il programma completo del #FOLKFEST2018 è disponibile su www.teatromancinelli.com  https://bit.ly/2AXTIwx