Data: 18/09/2018

Presentata alla città la stagione 2018/2019 del Teatro Mancinelli dal titolo “PalcoscenicOrvieto”

Nomi di spicco del panorama teatrale e cinematografico nazionale: VINCENZO SALEMME, MASSIMO RANIERI, CHRISTIAN DE SICA, OTTAVIA PICCOLO, EDOARDO LEO, SIMONE CRISTICCHI, FAUSTO RUSSO ALESI, VERONICA PIVETTI, VINICIO MARCHIONI, ANNA FOGLIETTA, PAOLO CALABRESI, SIMONA MARCHINI, ROSSELLA BRESCIA, SONICS, RBR DANCE COMPANY, TERESA MANNINO, ELIO GERMANO

COMUNICATO STAMPA n. 704/18 G.M. del 18.09.18
 
“PalcoscenicOrvieto” presentata la stagione teatrale 2018/2019 del Mancinelli. La seconda con la direzione artistica di PINO STRABIOLI
• Nel ricco cartellone tre prime nazionali e tante, variegate proposte culturali: dal teatro classico, al teatro d’impegno sociale e civile, l’Omaggio a Gianni Rodari  e  il progetto TeatroMemoria 
• Tra i protagonisti tante eccellenze dell’attuale panorama teatrale e cinematografico italiano: VINCENZO SALEMME, MASSIMO RANIERI, CHRISTIAN DE SICA, OTTAVIA PICCOLO, EDOARDO LEO, SIMONE CRISTICCHI, FAUSTO RUSSO ALESI, VERONICA PIVETTI, VINICIO MARCHIONI, ANNA FOGLIETTA, PAOLO CALABRESI, SIMONA MARCHINI, ROSSELLA BRESCIA, SONICS, RBR DANCE COMPANY, TERESA MANNINO, ELIO GERMANO
• L’apertura il 12 ottobre la festa-conversazione con CHRISTIAN DE SICA e PINO STRABIOLI Christian racconta Christian De Sica 
• L’appello “Il teatro è un bene culturale attivo che sostiene la città. La città sostenga il teatro!”
(ON/AF) – ORVIETO – Attesa come ogni anno, è stata presentata questa mattina alla stampa e agli orvietani presso il Ridotto del Teatro Mancinelli la stagione 2018/2019, ricca di proposte per tutti i gusti e sensibilità nel segno della qualità artistica, a sottolineare il 25° anniversario della riapertura del teatro e la prima stagione della nuova convenzione tra il Comune di Orvieto e l’Associazione TEMA per la gestione di un nuovo sistema culturale fatto di sinergie e collaborazioni.
Non a caso, infatti, “PalcoscenicOrvieto” è il titolo emblematico della stagione, presentata dal Sindaco, Giuseppe Germani, dall’Assessore alla Cultura, Alessandra Cannistrà, dal Presidente dell’Associazione TEMA, Stefano Paggetti e da Pino Strabioli, membro del CdA della TEMA e Responsabile per il secondo anno della Direzione Artistica della stagione. Presenti le Consigliere del CdA di TEMA: Cristina Calcagni, Emanuela Leonardi e Roberta Mattioni.
21 i titoli del cartellone del Teatro Mancinelli che, dopo l’anteprima di Sabato 29 settembre ore 20:30 con La Traviata di Giuseppe Verdi messa in scena da Orchestra e Coro del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto nell’ambito della Stagione Lirica Regionale 2018, verrà inaugurato, Venerdì 12 ottobre ore 21 da CHRISTIAN DE SICA con lo spettacolo Christian racconta Christian De Sica con la partecipazione di Pino Strabioli
Una serata speciale con Christian De Sica che – accompagnato da una spumeggiante big band di sei elementi - la Universal Orchestra Big Band, al pianoforte Riccardo Biseo, si racconta al pubblico con parole e canzoni come in un grandissimo salotto di amici.  
La programmazione entra nel vivo con la Prima Nazionale di Con tutto il cuore di VINCENZO SALEMME, poliedrico autore, regista e interprete Sabato 20 ottobre ore 21 e Domenica 21 ottobre ore 17.
La stagione del Mancinelli ha in serbo però altri due debutti in Prima Nazionale: quello di Sabato 24 novembre ore 21 e Domenica 25 novembre ore 17 di Carta straccia Storia romantica con musica nella Roma del 1968 scritto e diretto da Mario Gelardi e interpretato da PINO STRABIOLI e SABRINA KNAFLITZ,  seguìto da MASSIMO RANIERI con Il Gabbiano  di Anton Čechov, Sabato 26 gennaio ore 21 - Domenica 27 gennaio ore 17, una pietra miliare del teatro mondiale in una inedita grande edizione per la regia di Giancarlo Sepe.  
Le altre proposte qualificanti della nuova stagione teatrale sono in calendario Domenica 11 novembre ore 17 con OTTAVIA PICCOLO e l’Orchestra Multietnica di Arezzo interpreti del racconto Occident Express (Haifa è nata per star ferma) scritto da Stefano Massini; spettacolo a cura di Enrico Fink e Ottavia Piccolo, produzione Teatro Stabile dell’Umbria / Officine della Cultura.
E ancora, Sabato 1 dicembre ore 21 e Domenica 2 dicembre ore 17 è la volta di ANNA FOGLIETTA e PAOLO CALABRESI in Bella figura di Yasmina Reza per la regia di Roberto Andò. Con Lucia Mascino, David Sebasti e la partecipazione di Simona Marchini.
Ti racconto una storia Letture semiserie e tragicomiche è invece lo spettacolo che EDOARDO LEO presenta Sabato 15 dicembre ore 21 con improvvisazioni musicali di Jonis Bascir
Dopo la pausa per la 26^ edizione di Umbria Jazz Winter, in programma dal 28 dicembre 2018 al 1° gennaio 2019, la stagione del Mancinelli riparte Venerdì 11 gennaio ore 21 con la band HOTEL SUPRAMONTE in Omaggio a Fabrizio De André in collaborazione con AR Spettacoli. 
Si prosegue Domenica 20 gennaio ore 17 con il balletto: ROSSELLA BRESCIA interpreta il mito di Bizet in Carmen, regia e coreografia di Luciano Cannito.
Esodo Racconto per voce, parole e immagini di e con SIMONE CRISTICCHI, tra musica e racconti riporta alla memoria collettiva, l’esodo istriano e il dramma delle foibe. Va in scena Martedì 5 febbraio ore 21, l’indomani è previsto l’incontro con gli studenti
RBR DANCE COMPANY, 10 danzatori e band dal vivo, saranno al Mancinelli Domenica 24 febbraio ore 17 con lo spettacolo GENESIS - The Lamb Lies Down on Broadway, coreografie di Cristiano Fagioli. Una produzione ARSLab Italy-StudioLab.
 
Domenica 3 marzo ore 17, FUSTO RUSSO ALESI e IMMA VILLA sono protagonisti del dramma Regina Madre di Manlio Santanelli per la regia Carlo Cerciello.
Nella stagione teatrale irrompe la comicità intelligente e impegnata di TERESA MANNINO,  protagonista Giovedì 21 marzo ore 21 del nuovo spettacolo Sento la terra girare scritto con Giovanna Donini e diretto dalla stessa Mannino.
Con le musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schünzel Venerdì 29 marzo ore 21, VERONICA PIVETTI presenta la commedia Viktor und Viktoria, con Giorgio Borghetti, Yari Gugliucci, Pia Engleberth, Roberta Cartocci, Nicola Sorrenti, regia di Emanuele Gamba.
Sempre coinvolgenti e imperdibili per i loro allestimenti fantascientifici e le acrobazie mozzafiato Domenica 14 aprile ore 17 tornano sul palcoscenico del Mancinelli i SONICS con lo spettacolo Steam ispirato alla corrente artistica steampunk, creato e diretto da Alessandro Pietrolini, coreografie – Team creativo – Performer: Jessica Pioggia, Maria Seckler, Federica Vaccaro, Ileana Prudente, Artur Cacciolari, Vitor Dias. 
Sabato 27 aprile ore 21 è la volta di VINICIO MARCHIONI in La più lunga ora Memoria di Dino Campana, Poeta, Pazzo scritto, diretto e interpretato da Vinicio Marchioni, con Milena Mancini e Ruben Rigillo; una produzione Eliseo – Teatro Nazionale.
In data ancora da definire al Mancinelli ci saranno poi ELIO GERMANO e TEHO TEARDO con il Viaggio al termine della notte liberamente ispirato al capolavoro di Louis Ferdinand Céline. 
 
Il Progetto #TeatroMemoria. Di particolare valore civile e sociale, oltre che culturale, sono poi le Giornate della Memoria e del Ricordo nell’ambito del Progetto #TeatroMemoria format giunto ormai alla 3^ edizione, dedicato ai giovani delle scuole secondarie per favorirne l’educazione alla legalità e al rispetto. Ciclo patrocinato dall’Assemblea Legislativa della Regione Umbria. 
La sezione prevede cinque appuntamenti a partire da Martedì 23 ottobre alle ore 10 - Matinée gratuita per le scuole – con un OMAGGIO A GIANNI RODARI. Va in scena lo spettacolo La casa degli errori della Compagnia Formediterre liberamente ispirato alle opere del noto giornalista, pedagogista e scrittore, specializzato in scrittura per ragazzi che ha contribuito a rinnovare profondamente la letteratura per l’infanzia attraverso racconti, filastrocche e poesie, divenuti classici per ragazzi tradotti in quasi tutte le lingue del mondo.
Lunedì 12 novembre ore 10.30 per la GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE, arriva la Testimonianza di LUCIA ANNIBALI che della violenza subìta è un simbolo. Con impegno civico, politico e culturale, Lucia porta avanti una lotta incessante contro la drammatica piaga sociale del femminicidio. Con lei sul palco del Mancinelli il giornalista Giorgio Santelli
Per la celebrazione della GIORNATA DELLA MEMORIA, Lunedì 28 gennaio ore 10.30 - Matinée gratuita per le scuole dello spettacolo Il silenzio degli eroi semplici. La storia di Giorgio Nissim, Don Arturo Paoli, Gino Bartali e di altri protagonisti della Resistenza Civile in Toscana. Testo, musica e regia Piero Nissim.
Mercoledì 6 febbraio ore 11, una nuova Matinée gratuita per le scuole con Simone Cristicchi per una testimonianza sulle vittime delle Foibe che prende spunto dal suo spettacolo Esodo in scena la sera del 5 febbraio. 
Infine, in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE, Giovedì 21 marzo ore 10 ancora una Matinée gratuita per le scuole dello spettacolo Sangue nostro di Margherita Asta, Michela Gargiulo, Fabrizio Coniglio diretto e interpretato da Fabrizio Coniglio e Alessia Giuliani. E’ la storia dell’attentato dinamitardo compiuto a Pizzolungo nel trapanese il 2 Aprile 1985 alle 8.35 del mattino che aveva come obiettivo il giudice Carlo Palermo ma che provocò la morte di una donna Barbara Asta e dei suoi due figli gemelli Giuseppe e Salvatore.
La campagna abbonamenti alla stagione 2018/2019 del Teatro Mancinelli inizierà la prossima settimana.  
Per informazioni tel. 0763.340493 – biblietteria@teatromancinelli.com - www.teatromancinelli.com
_______________________
Presentando la nuova stagione del Mancinelli il Presidente dell’Associazione TEMA, Stefano Paggetti l’ha definita “una stagione frizzante e interessante che avvicina i giovani”. 
“Sono soddisfatto – ha aggiunto - perché, nonostante le difficoltà economiche, viene replicato un miracolo nel comporre una stagione così stimolante. Ringrazio il Comune, la Regione, la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e tutti gli sponsor privati e sostenitori che intervengono su aspetti specifici del programma. E’ il primo anno della nuova convenzione tra Comune e TEMA per la gestione del teatro e coincide con i 25 anni della riapertura del teatro stesso”. 
Sollecitato poi da una domanda sul futuro della TEMA e l’eventuale partecipazione di questa al bando per la gestione del Palazzo di Congressi, Paggetti ha soggiunto: “La TEMA è impegnata in una serie di progetti e stiamo valutando vari scenari. Attraverso una rete di soggetti presenti nella città partecipiamo a tutti i bandi disponibili in rete perché crediamo che bisogna costruire un sistema collaborante e cooperativo che realizzi i vari progetti. Una grande TEMA significa, io credo, mettere in capo ad un unico soggetto tutte le responsabilità, meglio allora una rete di soggetti. Rispetto al bando del centro congressi si sta valutando se partecipare, non abbiamo ancora sciolto le riserve”. 
“La stagione coincide con il primo anno della convenzione tra il Comune e la TEMA – ha ribadito il Sindaco, Giuseppe Germaniconvenzione attraverso la quale si sta cercando di instaurare un nuovo sistema partendo con delle programmazioni pluriennali che vadano oltre il singolo anno e che riguardano anche il teatro. Concordo sul fatto che nonostante le difficoltà è stata progettata un’ottima stagione. Il teatro è un pezzo importante della programmazione culturale, nei prossimi anni inoltre questo teatro avrà bisogno di alcune manutenzioni straordinarie. Anche il Centro Congressi, di cui il 5 ottobre scadrà il bando, è un asset importante di questa programmazione pluriennale. Sono soddisfatto del risultato raggiunto. Il teatro è un bel pezzo di economia della città. Ringrazio perciò il CdA della TEMA che sta lavorando per la cultura della città”
“Mi unisco ai ringraziamenti verso il CdA e l’intero staff operativo della TEMA” ha dichiarato l’Assessore, Alessandra Cannistrà che ha proseguito: “oggi presentiamo una stagione piena di stimoli per aprirci. Una stagione che affronta la realtà e l’attualità del nostro tempo. Reputo utile avere un laboratorio creativo per tirare fuori il meglio, ciò che è più significativo per farlo diventare oggetto di riflessione. Abbiamo tutti fretta di capire attraverso arte e cultura. E’ vero il teatro sostiene il progetto culturale della città. TEMA ce lo dimostra, si è resa cantiere e continuamente ospita incontri di soggetti emanatori di cultura. Avere una bella stagione in un bel teatro significa avere formazione nel piacere di partecipare ad una serata o alle mattinate per le scuole, nel cuore di Orvieto città d’arte e luogo dove fruire della cultura”. 
“A sottolineare il senso della sinergia e dell’energia – ha aggiunto – mi piace concludere  anticipando che una prima nazionale coinciderà con la manifestazione ‘Maratona dell’Olio’ di cui Orvieto è capofila di 13 comuni. In definitiva, il teatro è un ‘bene culturale attivo’ che merita di essere sostenuto da noi tutti, attraverso la nostra partecipazione, gli abbonamenti o il farsi ‘soci amici’ o ‘soci sostenitori’. Il teatro sostiene la città, la città sostenga il teatro!”.
Illustrando nei dettagli il programma culturale dei prossimi mesi, il responsabile della Direzione Artistica della stagione teatrale 2018/2019, Pino Strabioli ha detto “Come CdA la nostra è stata una sinergia. Ci siamo confrontati sulla stagione, sul come combinare spettacoli vari con attori di generazioni diverse, con un occhio particolare alle giovani leve del cinema e del teatro. Il risultato è soddisfacente. Devo dire che il titolo della stagione rende bene il senso di una Orvieto che di per se è un palcoscenico. Il cartellone si apre con una festosa conversazione-spettacolo con Christian De Sica che si racconta e che, in Umbria, è stata vista solo a Spoleto. Lo scorso anno, con la stagione dedicata ad Anna Marchesini, annunciammo l’impegno a lavorare ad un progetto dedicato a lei, volontà che confermiamo con la collaborazione del fratello Gianni e della regista Felicita Farina”. 
La Consigliera di Amministrazione, Cristina Calcagni ha poi illustrato le tappe del progetto #TeatroMemoria che da tre anni si svolge con straordinario riscontro di pubblico e che lo scorso anno è stato seguito da 2400 giovanissimi spettatori.
“Il teatro è per i giovani – ha detto - e questo progetto è dedicato alle scuole per sensibilizzare e far riflettere i ragazzi e le ragazze sui temi della memoria, del ricordo e sui temi sociali come la violenza sulle donne e la lotta per affermare la legalità contro le mafie. Quest’anno siamo riusciti ad inserire cinque appuntamenti. Si comincia il 23 ottobre con una favola di Rodari, per sottolineare l’anniversario della nascita (il 23 ottobre 1920) di questo importante scrittore per l’infanzia. L’obiettivo è quello di lavorare sin da ora per costruire un festival Gianni Rodari in sinergia con  Omegna, sua città natale. Per la giornata contro in femminicidio avremo ospite Lucia Annibali testimone sopravvissuta ad un tentato femminicidio la quale parlerà ai giovani del suo impegno per dare forza alle donne. Nella ricorrenza degli 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste gli appuntamenti dedicati alle giornate della Memoria e del Ricordo assumono un significato particolare”. Calcagni ha concluso anticipando che da ottobre sui monitor di Trenitalia nelle stazioni comparirà la promozione della stagione teatrale del Mancinelli.
“In un momento in cui è difficile incontrarsi – ha aggiunto la Consigliera del CdA, Emanuela Leonardi - TEMA si fa fucina di incontri, con un progetto culturale su cinema e scuola a cui stiamo lavorando, con legami ai progetti della ‘Città che Legge’ e in stretto rapporto con tanti soggetti, affinché TEMA si faccia centro propellente di un cultura a 360 gradi. Abbiamo iniziato con i mestieri del cinema e proseguiremo con un progetto molto articolato che vedrà anche il teatro e il cinema in piazza, stiamo lavorando per realizzare delle triangolazioni con Viterbo e Tarquinia”. 
Da Roberta Mattioni, altra consigliera del CdA della TEMA, infine un caloroso appello rivolto a tutti e ai giovani in particolare, ad abbonarsi alla stagione teatrale del Mancinelli.