Data: 12/01/2022

Piano Neve per la Stagione invernale 2021-2022 del Comune di Orvieto

Cosa prevede 

COMUNICATO STAMPA (di pubblica utilità) n. 017/21 G.M. del 12.01.22 
Piano Neve per la Stagione invernale 2021-2022: Consigli utili ai cittadini
(ON/AF) – ORVIETO – Il Comune di Orvieto ha predisposto il “Piano Neve” per la stagione invernale 2021/2022, strumento che, qualora si dovessero verificare eventi atmosferici con accumulo di neve e l’eventuale formazione di ghiaccio, definisce e pianifica le situazioni di emergenza, rende omogenee e coordina le attività necessarie a garantire la sicurezza e la transitabilità delle strade comunali, nel caso in cui il territorio dovesse essere interessato da eventi meteorologici di intensità tale da mettere in crisi la fluidità della circolazione con conseguente necessità di interventi di soccorso all’utenza
Il Piano, redatto dal Servizio di Protezione Civile e Settore Tecnico / Centro Servizi Manutentivi dell’Ente in attuazione della normativa generale sulla Protezione Civile, le direttive del Presidente del Consiglio dei Ministri riferite agli indirizzi operativi per il sistema di allertamento e gestione delle emergenze, e le direttive del Ministero dell’Interno ai Comitati operativi per la viabilità, prevede l’impiego di tutti i mezzi e materiali di proprietà comunale necessari alla gestione dell’emergenza ghiaccio/neve e delle risorse umane per coadiuvare gli interventi. In relazione alla tipologia di criticità, il Sindaco quale autorità di Protezione Civile e di concerto con il responsabile della P.C. comunale decide quali funzioni del C.O.C. attivando anche la collaborazione della Funzione Associata di Protezione Civile. 
Il piano comprende, pertanto, tutte le strutture operative, sanitarie e del volontariato locale demandante alla gestione dell’emergenza, individuando i servizi essenziali e le risorse umane, i materiali e tutti i mezzi a disposizione nonché le ditte convenzionate per specifici interventi. 
______________________________
Limitazione della viabilità e gli itinerari alternativi
Dal 15 Novembre 2021 al 15 Aprile 2022, è previsto l’obbligo della possibilità di transito ai soli veicoli muniti di catene o pneumatici da neve su tutte le strade comunali.
A cura del Comandante della Polizia Locale, che valuterà le necessità, potranno essere modificate temporaneamente le direzioni di marcia e le limitazioni alla sosta all’interno e all’esterno dei centri abitati. Sempre a cura del Comando di Polizia Locale sarà valutata la necessità di chiusura al traffico veicolare di alcune vie e strade del territorio comunale che, a seguito di nevicate, assumano caratteristiche di rischio elevato per la circolazione (ad esempio: forte pendenza, carreggiata limitata, dirupi non protetti, ecc.).
Di seguito i tratti di viabilità a rischio in caso di neve e/o ghiaccio:
- STRADE REGIONALI: Strada Regionale 71 “Umbro Casentinese”, dall’incrocio Bagnoregio/Bolsena al Civico Cimitero di Orvieto (dal km 16+400 al km 21+570); Strada Regionale 71 “Umbro Casentinese”, dalla località Pian del Vantaggio alla ex Casa Cantoniera di Bagni; Strada Regionale 74 “Maremmana” dal confine presso Casa Perazza all’incrocio SR 71 zona Colonnetta.
- STRADE PROVINCIALI: Strada Regionale 79/bis “dell’Orvietano”, dalla località San Giorgio al bivio per Titignano; Strada Provinciale 12 “Bagnorese”, dal centro abitato delle Velette al bivio di Porano; Strada Provinciale dell’Abbadia, dal bivio con la Strada Comunale dell’Abbadia al bivio con la Strada Comunale di Canale Vecchio; Strada Provinciale “Viceno”, dal bivio con SP dell’Aeroporto al bivio con la Strada Comunale di Benano e Strada Provinciale n. 375 “Marscianese” dal bivio di Colonnetta di Prodo fino al Parco dei Sette Frati.
- STRADE COMUNALI: Strada Comunale “Torre San Severo”, dall’incrocio con la Strada Provinciale di Porano al bivio con la Strada Regionale “Umbro Casentinese” (Osteria di Biagio); Strada Comunale “Sugano”, dal bivio della Strada Regionale “Umbro Casentinese” in località  Villanova al centro abitato di Sugano; Strada Comunale “Canonica – San Quirico”, dal centro abitato di Canonica al castello di San Quirico; Strada Comunale “Benano-Citerno”, dal bivio con la SP di Viceno al confine del Comune di Castelgiorgio (Citerno); Strada Comunale “Morrano” dal centro abitato di Morrano al bivio per la SR Marscianese (Parco dei Frati); Strada Comunale “Fossatello”, dal centro abitato di Corbara al centro abitato di Colonnetta di Prodo; Strada comunale “Titignano”, dal bivio con la SR dell’Orvietano al centro abitato di Titignano; Strada Comunale “Canale Vecchio” dal bivio con SP dell’Abbadia al centro abitato di Canale.
 
- STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO (le più significative): Strada Vicinale “Poggio Montone”, dall’incrocio con Strada Regionale 71 “Umbro Casentinese” al confine con il Comune di Ficulle – Frazione Pian del Vantaggio – Zona Peglia; Strada Vicinale “Palombara”, intersezione con la Strada Comunale di Morrano – Frazione Morrano – Zona Peglia; Strada Vicinale “Scalette”, intersezione Strada Comunale Padella fino alla località Sasso – Frazione Ciconia – Zona Peglia; Strada Vicinale “Canino”, intersezione Strada Comunale di Corbara fino a località Canino – Frazione Corbara – Zona Castellana; Strada Vicinale “Morciano”, intersezione Strada Comunale di Corbara fino a località Canino – Frazione Corbara – Zona Castellana; Strada Vicinale “Ortale”, intersezione Strada Comunale di Corbara fino a località Camorena – Frazione  Corbara – Zona Castellana; Strada Vicinale “Macchie”, da intersezione Strada Comunale del Botto ad intersezione Strada Comunale delle Macchie – Frazione Canale – Zona Macchie-Botto; Strada Vicinale “Consortile San Valentino”, da intersezione Strada Regionale 71 “Umbro Casentinese” ad intersezione Strada Comunale del Tamburino – Frazione Gabelletta – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “Corsica”, da intersezione Strada Comunale Torre San Severo ad intersezione Strada Comunale Caccavelle – Frazione Torre San Severo – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “Fossitello”, da intersezione Strada Comunale Caccavelle fino a località Fossitello – Frazione Torre San Severo – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “Sambuco” da intersezione Strada Comunale Torre San Severo fino a località Sambuco – Frazione Torre San Severo – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “Ulivella”, da intersezione Strada Comunale Ulivella – Frazione Sugano – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “4 strade”, intersezione Strada Comunale San Quirico – Frazione Sugano – Zona Bonviaggio; Strada Vicinale “Laghetto Sugano”, intersezione Strada Comunale Rocca Ripesena fino località Laghetto Sugano – Frazione Rocca Ripesena – Zona Citerno; Strada Vicinale “Castelgiorgio”, da intersezione Strada Comunale Lapone ad intersezione Strada Comunale Citerno – Frazione Benano – Zona Citerno.
Centro Storico e arroccamento: nella fase di precipitazione nevosa verrà chiusa la circolazione stradale di alcuni tratti delle vie interne al centro storico e della viabilità di arroccamento poiché la loro pendenza non consente una sicura transitabilità anche in fase di avvenuto sgombero della neve. Più precisamente: 
- Via Filippeschi, chiusura da Piazza della Repubblica a incrocio via della Cava (viabilità alternativa: via Adolfo Cozza, via Garibaldi Piazza Cacciatori del Tevere); 
- Via della Cava, chiusura dall’incrocio con Via Filippeschi a Porta Maggiore (viabilità alternativa: via Malabranca, piazza Guerrieri Gonzaga, via Ripa dell’Olmo, via Pecorelli, piazza della Repubblica, via Adolfo Cozza, via Garibaldi, piazza Cacciatori del Tevere); 
- Via del Caccia, chiusura dall’incrocio di Via Malabranca all’incrocio con Via della Cava (viabilità alternativa: piazza Guerrieri Gonzaga, via Ripa dell’Olmo, via Pecorelli, piazza della Repubblica, via Adolfo Cozza, via Garibaldi, piazza Cacciatori del Tevere); 
- Via Ranieri, chiusura da Piazza Ranieri all’incrocio con Via della Cava (viabilità alternativa: via Loggia dei Mercanti, piazza della Repubblica, via Adolfo Cozza, via Garibaldi, piazza Cacciatori del Tevere); 
- Strada Comunale “Dritta del Marchigiano” chiusura dall’incrocio della Strada delle Conce all’incrocio della Strada regionale Umbro-Casentinese (centro abitato Gabelletta), (viabilità alternativa: SS 71 direzione Gabelletta);
- Strada Comunale “Sant’Omanno” chiusura dal centro abitato di Sferracavallo all’incrocio con Strada delle Conce, (viabilità alternativa: strada comunale della Conce, SS 71 direzione Orvieto Scalo); 
- Strada Comunale “Salto del Livio”, chiusura dall’incrocio con Strada di Porta Romana all’incrocio con Strada Provinciale dell’Arcone (viabilità alternativa: consentita la sosta ai soli residenti al di fuori della carreggiata);
- Strada Comunale “Fontana di San Zero”, chiusura da piazza Cahen fino all’incrocio con la SS 71, (viabilità alternativa: consentita la sosta ai soli residenti al di fuori della carreggiata).
Il Piano ribadisce la priorità agli interventi di sgombero delle strade di accesso alle strutture sanitarie (Ospedale, presidi sanitari), centri abitati e case sparse (priorità assoluta alle abitazioni con persone gravemente malate o che necessitano di cure giornaliere), edifici scolastici, strutture operative e viabilità principale e secondaria.
In prossimità e lungo i tratti d’interesse sono individuate le AREE DI SOSTA E STOCCAGGIO per il fermo temporaneo o di stoccaggio dei mezzi pesanti da utilizzare sia per l’emergenza neve/ghiaccio, sia per il soccorso e l’assistenza agli utenti, già condivise ed inserite nel Piano neve della Prefettura di Terni.
In caso di fermo prolungato del traffico in condizioni climatiche particolarmente sfavorevoli, il Servizio Protezione Civile del Comune di Orvieto e della Regione Umbria attiva l’intervento delle organizzazioni di volontariato più prossime ai tratti di viabilità interessati dall’evento nevoso, al fine di prestare assistenza agli utenti, mettendo a disposizione generi alimentari di prima necessità.
AREE E PIAZZOLE  DI SOSTA e AREE DI SERVIZIO sono così distribuite:
• S.R. 71 UMBRO CASENTINESE: km 20+600 - km 20+270 - km 19+100 - km 18+900 
• AUTOSTRADA A1 km 451+00 - Casello di Orvieto 
• CENTRO STORICO - Piazza d’Armi e Piazza Cahen
Il Piano individua, infine, le STRUTTURE OPERATIVE incaricate della gestione delle emergenze (personale di turno/allertato e mezzi) e le AMMINISTRAZIONI E ENTI di riferimento: Comune di Orvieto (Centro Servizi Manutentivi, Servizi Sociali, Polizia Locale, Protezione Civile Comunale, volontari); Carabinieri; Carabinieri Forestali; Vigili del Fuoco; Polizia; Guardia di Finanza; ANAS – Compartimento di Perugia; Provincia / Servizio Viabilità; le STRUTTURE SANITARIE: Ospedale “Santa Maria della Stella” di Orvieto, Distretto U.S.L. (continuità assistenziale); Presidio 118; il VOLONTARIATO LOCALE: volontariato di Protezione Civile Locale e C.R.I.; e i SERVIZI ESSENZIALI: Servizi Idrico Integrato, Enel, Italgas, aziende esterne per la fornitura di sale attivate con il CSM comunale anche per la spargitura del sale. 
___________
Bollettini e Avvisi rete dei Centri Funzionali Regionali
In base alla D.G.R. del 27 Dicembre 2007, n. 2312 “Direttiva regionale per allertamento rischio idrogeologico – idraulico e per la gestione delle relative emergenze”, il Centro Funzionale Decentrato (C.F.D.) dell’Umbria emette i seguenti bollettini / avvisi:
- Bollettino di Vigilanza Meteorologica regionale che evidenzia la possibile presenza di fenomeni meteorologici significativi che possano superare determinate soglie di intensità.
- Bollettino di Criticità regionale è emesso quotidianamente e riporta le valutazioni degli effetti al suolo rispetto alle precipitazioni meteoriche previste. Nel bollettino si fa riferimento all’eventuale avviso di criticità collegato.
- Avviso di Condizioni Meteorologiche Avverse Regionale viene emesso qualora le previsioni dovessero anticipare un peggioramento della situazione meteorologica in atto tale da far presagire condizioni di potenziale pericolo.
- Avviso di Criticità regionale viene emesso se le previsioni meteorologiche e la stima degli effetti al suolo evidenziano il superamento della soglia di criticità idro-pluviometrica ordinaria, moderata od elevata, oppure in presenza di fenomeni meteorologici i cui effetti al suolo siano difficilmente prevedibili.
Al fine di garantire la pronta risposta del sistema comunale di protezione civile e di ottemperare a quanto previsto dalla D.G.R. n. 2312/2007, il Comune adotta la procedura prevista per la ricezione di avvisi e bollettini.
____________
CONSIGLI UTILI ai cittadini da attuare in caso di neve o ghiaccio, suddivise in tre fasi: PRIMA – DURANTE - DOPO le condizioni avverse
PRIMA condizioni avverse (neve o ghiaccio)
- Informarsi sull’evoluzione della situazione meteo e controllare i bollettini di allerta regionale. Prestare attenzione a quanto comunicato dai canali ufficiali dell’Amministrazione.
- Procurarsi l’attrezzatura necessaria contro neve e gelo o verificarne lo stato: pala e scorte di sale sono strumenti indispensabili per la propria abitazione o per il proprio esercizio commerciale.
- Prestare attenzione alla propria auto che, in inverno più che mai, deve essere pronta per affrontare neve e ghiaccio.
- Montare pneumatici da neve, consigliabili per chi viaggia d’inverno in zone con basse temperature, oppure portare a bordo catene da neve, preferibilmente a montaggio rapido.
- Fare qualche prova di montaggio delle catene: meglio imparare ad usarle prima, piuttosto che trovarsi in difficoltà sotto una fitta nevicata.
- Controllare che ci sia liquido antigelo nell’acqua del radiatore.
- Verificare lo stato della batteria e l’efficienza delle spazzole dei tergicristalli
- Ricordarsi di tenere in auto i cavi per l’accensione forzata, pinze, torcia e guanti da lavoro.
DURANTE 
Verificare la capacità di carico della copertura del proprio stabile (casa, capannone o altra struttura). L’accumulo di neve e ghiaccio sul tetto potrebbe provocare crolli.
- Preoccuparsi di togliere la neve dal proprio accesso privato o dal proprio passo carraio. Non buttarla in strada per non intralciare il lavoro dei mezzi spazzaneve.
- Se si può, evitare di utilizzare l’auto quando nevica e, possibilmente lasciarla in garage. Riducendo il traffico e il numero di mezzi in sosta su strade e aree pubbliche, si agevolano molto le operazioni di sgombero neve.
- E’ utile sapere che il sale piò essere usato per intervenire su formazioni di ghiaccio di limitato spessore; quindi, in caso di forti nevicate è necessario togliere la neve quasi completamente e spargere il sale sul ghiaccio rimasto.
Se si è costretti a prendere l’auto seguire alcune piccole regole di buon senso:
- Liberare interamente l’auto e non solo i finestrini dalle neve.
- Tenere accese le luci per rendersi più visibili sulla strada.
- Mantenere una velocità ridotta, usando marce basse per evitare il più possibile le frenate. Preferire l’utilizzo del freno motore.
- Evitare manovre brusche e sterzate improvvise.
- Accelerare dolcemente e aumentare la distanza di sicurezza dal veicolo che precede.
- Ricordare che in salita è essenziale procedere senza mai arrestarsi. Una volta fermi è difficile ripartire e la sosta forzata della propria auto può intralciare il transito di altri veicoli.
- Parcheggiare correttamente l’auto in maniera che non ostacoli il lavoro dei mezzi sgombraneve e spargisale.
- Prestare particolare attenzione ai lastroni di neve che, soprattutto nella fase di disgelo, si possono staccare dai tetti.
- Non utilizzare mezzi di trasporto a due ruote.
DOPO
- Ricordare che, dopo la nevicata, è possibile la formazione di ghiaccio sia sulle strade che sui marciapiedi. Prestare quindi attenzione al fondo stradale, guidando con particolare prudenza.
- Se ci si sposta a piedi scegliere con cura le scarpe per evitare cadute e scivoloni e muoversi con cautela.
INFORMAZIONI E SEGNALAZIONI
Per essere informati e segnalare situazioni di criticità della viabilità e pericolo imminente (alberi e pali pericolanti, crolli, ecc.) è possibile contattare i numeri: 0763 306410 - 306418 – 306419 o 329.6509972 
I numeri della Sala Operativa della Protezione Civile sono attivi H 24 o inviando un messaggio in posta elettronica all’indirizzo: protezionecivile@comune.orvieto.tr.it
È possibile, inoltre, rimanere in contatto con la struttura di Protezione Civile anche attraverso i canali social attivi (Facebook, Twitter, Instagram) seguendo i profili ufficiali.