Data: 30/01/2017

Interrogazione su riconversione Carcere di Orvieto

Dibattito in Consiglio Comunale

 
COMUNICATO STAMPA n. 064/17 C.C. del 30.01.17 
Interrogazione sulla riconversione del Carcere di Orvieto da Istituto a custodia attenuata a Casa di reclusione a media sicurezza e rischio di soppressione dei laboratori artigianali
(ON/AF) – ORVIETO – Il Consiglio Comunale ha trattato la questione della riconversione del Carcere di Orvieto da Istituto a custodia attenuata a Casa di reclusione a media sicurezza sollevata dalla interrogazione del Cons. Andrea Sacripanti (Capogruppo “Gruppo Misto”) che ha chiesto al Sindaco: “se è vero che ad oggi non sono stati ancora finanziati, da parte del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, i laboratori artigianali, indispensabili per la sopravvivenza dell’ICA, e, in caso di risposta affermativa, le ragioni del mancato stanziamento viste anche le recenti rassicurazioni fornite al riguardo da illustri esponenti nazionali del PD; se è vero, come emerge anche dal comunicato diramato dal SAPPE, che l’iniziativa di degradare il carcere di Orvieto da ‘Istituto a Custodia Attenuata’ a ‘Casa di reclusione a media sicurezza’, provenga proprio dal Direttore della struttura di Orvieto; e se non ritiene necessario, visto il rischio di declassamento del presidio carcerario orvietano, intervenire tempestivamente presso le Istituzioni competenti, favorendo e sostenendo l’apertura di un Tavolo di trattativa presso l’Ufficio del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, così come richiesto dal SAPPE, al fine di scongiurare la trasformazione del carcere ed evitare che Orvieto subisca l’ennesimo schiaffo e l’ennesima umiliazione”.

L’interrogante ha ricordato che “il 17 gennaio 2017, è stato pubblicato sulla stampa locale un comunicato a firma del Segretario nazionale del SAPPE in cui si dà notizia della presa d’atto ‘del totale cambiamento di rotta e di obiettivi della Direzione dell’Istituto a Custodia Attenuata di Orvieto che ha ritenuto di dover chiedere al Provveditorato Regionale di riconvertire il carcere a Casa di Reclusione a media sicurezza’. 
Nel comunicato si legge che tale richiesta sia stata già assecondata e condivisa dal Provveditore Regionale per l’Umbria e la Toscana, dottor Martone, e che sia stata inoltrata al  Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.
A seguito di queste decisioni, che, come si legge nel comunicato, metterebbero a rischio, in un futuro più o meno prossimo, l’esistenza stessa del carcere di Orvieto è stato proclamato ‘lo stato di agitazione del personale aderente al SAPPE che si riserva di adottare ogni utile e legittima iniziativa di protesta volta alla risoluzione della gravissima problematica, chiedendo l’immediata apertura di un Tavolo di trattativa presso l’Ufficio del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, avente per oggetto il ‘fallimento’ del progetto Ica con l’individuazione delle relative responsabilità’.
Da quanto emerge dal comunicato in questione e a quanto letto sugli articoli di stampa locale, la trasformazione del carcere in semplice casa di reclusione potrebbe mettere in pericolo l’esistenza futura del carcere stesso nel caso non fossero presenti, e a tutt’oggi non se ne ha la certezza, quegli standard qualitativi e strutturali previsti dalla normativa in materia come, ad esempio, il numero di celle capace a garantire il minimo di spazio vitale previsto per legge”. 
“Questa eventualità – ha sottolineato Sacripanti - sarebbe un colpo mortale per l’economia orvietana che vedrebbe ulteriormente svanire decine e decine di posti di lavoro. Considerato che:
- il carcere di Orvieto è l’unico Istituto a Custodia Attenuata presente nella Regione Umbria, così come previsto dal DPR 230/2000 che dispone la presenza di un unico ICA in ogni Regione, e che, pertanto, una sua soppressione rappresenterebbe l’ennesimo declassamento per Orvieto che ha già subìto negli anni danni incalcolabili derivanti dallo smantellamento delle Caserme e dalla soppressione del Tribunale;  
- la trasformazione del carcere di Orvieto da ICA a ‘comune’ casa di reclusione, dipenderebbe dal fatto che vi sia da parte della Direzione del carcere la volontà di procedere alla soppressione dei laboratori artigianali, visto il mancato finanziamento degli stessi, o quantomeno ad un loro drastico ridimensionamento non essendo più prevista la figura dei cc.dd. ‘capi d’arte’, gli artigiani che dovrebbero trasferire ai detenuti il loro bagaglio di conoscenze;
- non sfugge l’importanza di questi laboratori artigianali per il recupero ed il reinserimento sociale dei detenuti che, attraverso la formazione e l’esperienza sul campo, acquisiscono le conoscenze necessarie per inserirsi nel mondo del lavoro, una volta scontata la pena;
- non sfugge, infine, l’importanza degli artigiani qualificati che insegnano in questi laboratori, sia perché sono gli unici in grado di trasmettere ai detenuti adeguate conoscenze del mestiere, sia perché si stima che il 40% dei detenuti che vivono questa esperienza lavorativa in carcere, trovano poi lavoro proprio nelle botteghe di chi li ha formati”.

Il Sindaco, Giuseppe Germani ha risposto: “l’interrogazione è particolarmente opportuna. E’ infatti importante mantenere alta l’attenzione sulla questione. Per domattina ho convocato una riunione tra tutti gli attori del sistema e i rappresentanti sindacali degli operatori del carcere. Ci sono stati contatti con i parlamentari umbri che seguono la questione, ringrazia a tale proposito l’On. Walter Verini. Abbiamo avuto assicurazione che nei primi giorni di febbraio sarà ad Orvieto il responsabile del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Dr. Santi Consolo. Abbiamo motivo di ritenere che il Carcere di Orvieto resterà Istituto a custodia attenuata. 
Sulla validità dei laboratori confermo che ad oggi ci sono stati risultati importantissimi ed alcuni ed detenuti sono diventati imprenditori. Quindi gli stessi laboratori possono diventare un punto di riferimento molto importante. Spero che l’incontro possa essere risolutivo e faremo del tutto che questa esperienza resti ad Orvieto e migliori le proprie performance”.
Il Cons. Andrea Sacripanti si è dichiarato: “soddisfatto. Il Sindaco appare molto motivato”.