Data: 09/11/2017

Giornata Mondiale del Diabete 2017: evento ad Orvieto del Coordinamento Regionale della Associazioni per il Diabete

"Agisci oggi per cambiare domani", Sabato 11 novembre a partire dalle 16:30 al Palazzo del Popolo 

 
COMUNICATO STAMPA n. 842/17 G.M. del 09.11.17 
 
AGISCI OGGI PER CAMBIARE DOMANI - Giornata Mondiale del Diabete 2017 / Regione Umbria.  Orvieto / Sala dei 400 del Palazzo del Capitano, Sabato 11 novembre ore 16:30
 
(ON/AF) – ORVIETO – Organizzato da COREDIAB Umbria / Coordinamento Regionale delle Associazioni per il Diabete, con il patrocinio del Comune di Orvieto e delle USL Umbria 1 e Umbria 2 grazie ed il contributo dell’Associazione Diabete di Orvieto, della Cassa di Risparmio di Orvieto, del Lions Club Orvieto e di privati cittadini, Sabato 11 novembre ore 16:30 al Palazzo del Capitano del Popolo di Orvieto / Sala dei Quattrocento si terrà l’evento “Agisci oggi per cambiare domani” in occasione della Giornata Mondiale del Diabete. 

La GMD, istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, in Italia viene organizzata dal 2002 da Diabete Italia per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sul diabete, sulla sua prevenzione e gestione. Si tratta della manifestazione più grande del volontariato in campo sanitario e in centinaia di città e cittadine d’Italia si svolgono numerosi eventi organizzati da associazioni di persone con diabete, medici, infermieri e altri professionisti sanitari.
Il diabete, malattia cronica, non fa discriminazioni: colpisce indifferentemente bambini, adulti ed anziani, ricchi e poveri, in tutti i Paesi. Inoltre, comporta l’inevitabile coinvolgimento delle famiglie ed interessa sia il mondo della scuola sia quello lavorativo, senza considerare l’importante impatto a livello dell’assistenza sanitaria in termini di risorse umane ed economiche. 
Dal punto di vista della situazione generale della diffusione della patologia, oggi il numero di persone con diabete di tipo 2 è in veloce crescita e ciò è dovuto soprattutto alle modifiche quantitative e qualitative nell’alimentazione (si mangia di più e peggio) e al minor dispendio energetico (il lavoro richiede meno fatica, non ci si muove a piedi, si sta lunghe ore fermi). Queste modifiche allo stile di vita, spesso associate al sovrappeso o all’obesità, fanno probabilmente scattare una tendenza geneticamente ereditata a sviluppare il diabete. 
I dati nazionali diffusi da Diabete Italia riferiscono di: 3 milioni di persone che hanno un diabete 2 già diagnosticato e seguito terapeuticamente (4,9% della popolazione), 1 milione di persone ha un il diabete di tipo 2 non ancora diagnosticato (1,6%) mentre 2,6 milioni sono a rischio di insorgenza della malattia (4,3%). Diverso, invece, è il caso del diabete di tipo 1 che può essere considerato la più frequente delle patologie rare, ogni anno vengono diagnosticati 5.000 nuovi casi e si stima che il totale dei soggetti in Italia sia pari a circa 250 mila.  
La prevenzione quindi ricopre un ruolo di rilevante importanza: uno stile di vita adeguato, caratterizzato da dieta equilibrata e attività fisica può consentire di evitare la malattia o, perlomeno, procrastinarne l’insorgenza. L’altro aspetto da prendere in considerazione è il diabete “misconosciuto”. La malattia nei primi anni è spesso asintomatica e non di rado la diagnosi viene fatta casualmente, per esempio in occasione di ricoveri ospedalieri o per accertamenti clinici eseguiti per altro, quindi in ritardo rispetto all’insorgenza
PREVENZIONE e DIAGNOSI PRECOCE sono le parole d’ordine che hanno animato le 14 Associazioni aderenti a COREDIAB Umbria che in occasione della Giornata Mondiale del Diabete e in collaborazione con le sezioni della regione Umbria di AMD, SIEDP, SIMG, OSDI e AGD,  hanno voluto definire l’organizzazione di un evento finalizzato ad informare i partecipanti sulla diffusione del diabete e sensibilizzare tutti sull’importanza della prevenzione. 
 
Il programma della giornata di sabato 11 novembre presso la Sala dei 400 del Palazzo del Capitano del Popolo prevede alle ore 16:30 l’incontro “Agisci oggi per cambiare domani” condotto dal giornalista Guido Barlozzetti, con numerose testimonianze di esperienze diverse e variegate vissute da persone che convivono con “Mister D”, il Diabete; da Adriana (donna imprenditrice) a Claudio (pilota di rally), Luisa (campionessa di karate), Carmen (poetessa) e testimonianze di persone che, seppur non diabetiche, danno tutti i giorni un prezioso contributo ad aiutare chi ne soffre, come gli istruttori dei cani Allerta Diabete del “progetto Serena”, o a fare prevenzione combattendo l’obesità nei bambini come la Preside che ha implementato presso le scuole primarie di Ciconia un programma di educazione alimentare.
Quest’anno per la prima volta, sarà assegnato il Premio COREDIAB Umbria a chi si è distinto in attività volte al miglioramento dell’assistenza e della qualità di vita delle persone con diabete e alla prevenzione.
Alle ore 18:30 presso la Sala EXPO si terrà la Mostra fotografica “IL DIADETE, OVVERO MISTER D, … IN UN CLICK” che propone le emozioni, i racconti e i messaggi in scatti realizzati da chi convive con il Diabete o da chi vive accanto a persone con diabete ed ancora immagini che invitano ad adottare un corretto stile di vita.
Alle ore 19:30 l’iniziativa si sposta in Duomo per il Concerto dell’Orchestra della Scuola Comunale di Musica “Adriano Casasole” di Orvieto.
Infine alle 20:15 in Piazza del Duomo, spettacolo degli sbandieratori di Città della Pieve
Infine, come suggerito dall’OMS, il monumento scelto dagli organizzatori per essere illuminato di blu sarà la “Torre del Maurizio” in piazza Duomo.