Data: 30/07/2020

Consiglio Comunale ha approvato Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2020-2021-2022

Ammonta complessivamente a 17.920.599 Euro

COMUNICATO STAMPA n. 543/20 C.C. del 30.07.20 
Consiglio Comunale approva Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2020-2021-2022 e l’Elenco Annuale 2020
• Nel triennio 2020/2020 opere pubbliche per oltre 17 mln di euro 
(ON/AF) – ORVIETO – Tra i vari atti contestuali al Bilancio di Previsione per l’esercizio corrente, oggi il Consiglio Comunale ha approvato (8 favorevoli: maggioranza; 2 astenuti: Mescolini, Giovannini. I Cons.ri Barbabella e Croce hanno lasciato l’aula) il Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2020-2021-2022 e l’Elenco Annuale dei lavori da avviare nel coerente anno, secondo le norme vigenti, con la programmazione economico-finanziaria dell’Ente; atto che è parte integrante del Documento Unico di Programmazione 2020-2022; su tali atti il Consiglio Comunale ha svolto una discussione unificata.
Il programma triennale è stato redatto in base alle norme nazionali e regionali vigenti in materia di opere pubbliche. Complessivamente ammonta a 17.920.599 euro di cui: 5.250.599 euro afferenti il 2020 con copertura finanziaria garantita da trasferimenti statali, regionali e da altri Enti del settore pubblico aventi destinazione vincolata per legge (3.397.599 euro); da risorse acquisite mediante mutui (1.463.380 euro), dall’apporto di capitali privati (109.620 euro), con stanziamenti di bilancio (154.390 euro), da alienazioni di immobili (125.609 euro).  
______________
 
L’Elenco Annuale 2020 comprende i seguenti lavori pubblici:
- Lavori Rupe Valle – PSR (Euro 419.192 complessivi di cui Euro 373.799 anno 2020)
- Completamento aula magna, laboratori, archivio presso la Scuola Media “I. Scalza” di Ciconia (Euro 200.000 – anno 2020) 
- Ampliamento e riqualificazione del Canile Rifugio in località Fontanelle di Bardano (Euro 266.140 complessivi di cui Euro 263.000 anno 2020)
- Attrattore Culturale dell’Area Archeologica Orvietano-Amerino: Area Archeologica Etrusca periurbana di Orvieto “Campo della Fiera” (Euro 210.211 complessivi di cui 200.000 anno 2020)
- Nuova realizzazione di un edificio loculi presso il Cimitero di Corbara (Euro 129.366 complessivi di cui Euro 120.000 anno 2020)
- Attrattore Culturale dell’Area Archeologica Orvietano-Amerino: Area Archeologica Etrusca periurbana di Orvieto “Necropoli di Crocifisso del Tufo” (Euro 214.035 complessivi di cui 200.000 anno 2020)
- Lavori di ampliamento e realizzazione di un edificio loculi presso il Cimitero di Capretta (Euro 200.000 - anno 2020)
- Efficientamento energetico ed interventi di adeguamento e messa in sicurezza del patrimonio comunale / sport, spettacolo e tempo libero (Euro 130.000 complessivi - anno 2020)
- Restauro e allestimento della Chiesa di San Giacomo da destinare a sede del Centro di Informazione Turistica (Euro 306.024 di cui Euro 300.000 anno 2020)
- Lavori di miglioramento sismico presso la Scuola Primaria (Euro 990.000 complessivi - anno 2020)
- Lavori di manutenzione straordinaria per impermeabilizzazione del parcheggio di Via Roma (Euro 700.000 complessivi -  anno 2020)
- Riqualificazione della viabilità sulla SS. Amerina nel tratto di ingresso alla città – Lotto B – realizzazione delle struttura per l’accoglienza e l’informazione turistica e per la mobilità con opere di arredo urbano e riqualificazione paesaggistico ambientale - (Euro 290.000 complessivi - anno 2020)
Gli interventi distribuiti nelle Annualità 2020 / 2021 / 2022:
- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza idrogeologica delle pendici e drenaggi della Rupe (Euro 300.000 complessivi distribuiti in misura di Euro 100.000 per ciascun anno)
- Lavori di valorizzazione di spazi a supporto dell’attività didattica presso la Scuola Media “I. Scalza” di Ciconia (Euro 250.000 – anno 2021) 
- Lavori di manutenzione straordinaria delle Strade intorno alla Rupe (Euro 850.000 complessivi di cui: Euro 250.000 anno 2020; Euro 300.000 anno 2021 e Euro 300.000 anno 2022)
- Lavori di manutenzione straordinaria del Patrimonio Comunale / beni culturali (Euro 240.000 complessivi distribuiti in misura di Euro 80.000 per ciascun anno)
- Manutenzione straordinaria per adeguamento tecnologico della Stadio “Luigi Muzi” - (Euro 400.000 complessivi - anno 2021)
- Lavori di realizzazione della Rotatoria in Via Monte Nibbio - (Euro 150.000 complessivi - anno 2021)  
- Lavori di manutenzione straordinaria e asfaltatura delle Strade Comunali (Euro 600.000 complessivi distribuiti in misura di Euro 200.000 per ciascun anno)
- Completamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico presso la rupe della frazione di Sugano - 1° Stralcio – (Euro 960.000 complessivi -  di cui Euro 480.000 per ciascuno degli anni 2020 e 2021)
- Lavori di realizzazione del 2° Stralcio della Complanare - (Euro 8.043.462 complessivi – di cui Euro 2.100.000 anno 2021 – Euro 1.900.000 anno 2022 e Euro 4.000.000 costo su annualità successiva)
- Interventi di adeguamento, manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico di piscina e impianti sportivi comunali sul territorio - (Euro 200.000 complessivi - anno 2021)
- Interventi di efficientamento energetico e di adeguamento e messa in sicurezza del patrimonio comunale – Impianti termici nelle scuole - (Euro 130.000 complessivi - anno 2021)
- Efficietamento energetico della Pubblica Illuminazione nel territorio comunale – 2° stralcio – (Euro 155.997 complessivi di cui Euro 150.000 – anno 2021)
- Lavori di manutenzione straordinaria per riqualificazione e adeguamento della Scuola Primaria “Sette Martiri” – (Euro 990.000 complessivi - anno 2021)
- Lavori di riqualificazione e adeguamento della Scuola Primaria - (Euro 990.000 complessivi - anno 2021)
- Lavori di riqualificazione e adeguamento della Scuola dell’Infanzia - (Euro 990.000 complessivi - anno 2021)
- Lavori di efficientamento energetico e interventi di adeguamento e messa in sicurezza del patrimonio comunale / Impianti termici delle Scuole - (Euro 130.000 complessivi - anno 2022)
- Opere e infrastrutture per il turismo: realizzazione del Palazzo del Vino e dei prodotti della terra / Centro delle culture agroalimentari ed enogastronomiche (PSR UMBRIA 2014/2020) – (Euro 719.398 complessivi di cui 700,000 - anno 2022)
- Manutenzione straordinaria e realizzazione di impianto fotovoltaico finalizzato alla produzione di energia presso il Magazzino del Centro Servizio Manutentivi - (Euro 300.000 complessivi - anno 2022)
- Lavori di manutenzione straordinaria per il miglioramento/adeguamento sismico della Scuola Media “Luca Signorelli” - (Euro 800.000 complessivi - anno 2022)
- Manutenzione straordinaria con riqualificazione ed efficientamento energetico del Centro Servizio Manutentivi / Protezione Civile - (Euro 450.000 complessivi - anno 2022)
Per l’annualità 2021 la copertura finanziaria delle opere previste per complessivi 7.710.000 euro è garantita da: trasferimenti statali, regionali e da altri Enti del settore pubblico aventi destinazione vincolata per legge (6.280.000 euro); risorse acquisite mediante mutui (1.150.000 euro), stanziamenti di bilancio (251.200 euro), da alienazioni di immobili (28.800 euro).  
Per l’anno 2022 la copertura finanziaria delle opere previste ammonta a complessivi 4.960.000 euro complessivi ed è garantita da: trasferimenti statali, regionali e da altri Enti del settore pubblico aventi destinazione vincolata per legge (3.130.000 euro); risorse acquisite mediante mutui (1.550.000 euro), stanziamenti di bilancio (280.000 euro.  
Nell’annualità 2020 con l’accensione di nuovi mutui per 1.463.380 euro, il limite del 10% tra interessi ed entrate correnti previsto dal Decreto Legislativo 267/2000 risulta rispettato, come pure per le annualità 2021 e 2022.
______________
Prima della presentazione dell’atto, il Cons. Franco Raimondo Barbabella (Capogruppo “Prima gli Orvietani”) ha presentato una mozione d’ordine inerente la prosecuzione del consiglio in assenza del Sindaco cosa che ha definito “inaccettabile sul piano del rapporto istituzionale e della sostanza, per cui non intendo andare avanti se non c’è il Sindaco”.
Sulla mozione d’ordine il Cons. Stefano Olimpieri (Capogruppo “Gruppo Misto”) riconoscendo la legittimità della richiesta che poteva dare luogo ad una sospensione dei lavori, ha però detto che l’ordine del giorno si componeva del blocco delle opere pubbliche e del blocco del bilancio preventivo 2020/2020 che vengono sempre trattati assieme, quindi ha proposto di trattare prima i lavori pubblici e posticipare alle ore 15 il bilancio con la presenza del Sindaco che si è dovuta recare ad accogliere l’Assessore regionale alla Sanità che oggi ha visitato le strutture sanitarie orvietane. Il Presidente dell’Assemblea, Cons. Umberto Garbini (Capogruppo “Fratelli d’Italia”) ha ritenuto comprensibile la richiesta di Barbabella, ma ha invitato a snellire un ordine del giorno particolarmente corposo o decidere la sospensione dei lavori per poi riprenderli nel pomeriggio al rientro in sede del Sindaco. Barbabella dicendo di ammirare la volontà di risolvere il problema ha comunque espresso disaccordo evidenziando la questione della “simbologia istituzionale” e rilanciando sul fatto che “la visita poteva essere rinviata oppure dare anche ai consiglieri la possibilità di incontrare l’Assessore regionale”.
Il Vice Sindaco, Angelo Ranchino ha precisato che “a norma del Regolamento in assenza del Sindaco, il vice Sindaco rappresenta il primo cittadino in tutte le sue attività, quindi la proposta di Olimpieri è condivisibile. Peraltro la sessione del mattino si conclude con due argomenti rinviando al pomeriggio gli atti del bilancio”.
La Cons.ra Martina Mescolini (Capogruppo “Partito Democratico”) ha osservato che “al di là delle puntualizzazioni tecniche la mozione d’ordine solleva un problema di atteggiamento e di rapporto che si intende mantenere con il Consiglio Comunale tutto. La visita dell’Assessore regionale alla sanità, peraltro non annunciata e partecipata da nessuno, doveva quantomeno coinvolgere i consiglieri. Inoltre nel DUP che viene affrontato contestualmente al bilancio compare anche la questione della sanità”.
Olimpieri ha ricordato che altre volte è accaduto di attendere i Sindaci allontanatisi per altri impegni istituzionali, invitando quindi ad evitare forme di strumentalizzazione. Garbini si è detto contrario alla sospensione perché si “ragiona di un problema che non sussiste a cui però stiamo dedicando del tempo con un dibattito sull’assenza del Sindaco che sta incontrando un altro rappresentante istituzionale su una questione importante come la sanità che riguarda l’intera città. Peraltro la presenza dei due Assessori relatori di atti uno dei quali è il Vice Sindaco, solleva da ogni dubbio”.
Cristina Croce (Capogruppo “Siamo Orvieto”) ha concordato con le argomentazioni di Barbabella e Mescolini quindi ha propongo di sospendere e riprendere la seduta nel pomeriggio con i restanti atti. Alla fine Barbabella e Croce hanno lasciato l’aula senza partecipare alla discussione. 
__________________
Il programma triennale delle Opere Pubbliche è stato illustrato dall’Assessore ai Lavori Pubblici, Programmazione e Bilancio, Piergiorgio Pizzo il quale ha spiegato che “il programma triennale dei lavori pubblici prevede investimenti importanti. Un piano che assume un significato strategico nel momento in cui la città tutta è chiamata a sostenere il rilancio economico del territorio uscito indebolito dalla crisi per l’emergenza Coronavirus. Il piano è tuttavia una sfida per l’Amministrazione Comunale e la struttura tecnica dell’Ente che, dopo essere riuscita a sbloccare interventi e progetti fermi da anni, ora è chiamata a recuperare il tempo perduto. Adesso inizia il lavoro degli uffici per rispettare il cronoprogramma che questo Consiglio Comunale adotterà.
Tra le azioni più significative cito: il completamento degli interventi presso la Scuola Media di Ciconia di cui è già stato dato l’incarico di progettazione, l’avvio dei lavori del canile rifugio di Bardano, il completamento dell’accesso alla strada Amerina, la sistemazione del parcheggio di via Roma rispetto al problema delle infiltrazioni di acqua, la realizzazione di una seconda uscita sulla Fortezza Albornoz. E ancora, i progetti alle necropoli di Campo della Fiera e Crocifisso del Tufo e poi gli intervento della Legge Todi-Orvieto che consentirà la manutenzione del verde lungo l’anello intorno alla rupe e le ripavimentazioni di alcune parti del pianoro, ma anche il riprestino della strumentazione per il monitoraggio presso l’Osservatorio della Madonna del Velo, interventi sulla piscina, il restauro della chiesa di San Giacomo di i soldi erano fermi e il progetto presentato non teneva conto della stabilità della struttura, ma solo dell’arredo. E poi le manutenzioni delle strade e degli stabili comunali. In bilancio c’è l’inserimento del secondo stralcio della Complanare, a tale proposito domani sarà ad Orvieto l’Assessore regionale Melasecche per la firma della convenzione tra Regione e Comune. Nel piano c’è anche la riqualificazione di tutto il patrimonio scolastico nel 2021. Quest’anno sono stati inserito 300 mila euro, che sono una cifra ancora insufficiente per la sistemazione delle scuole, ma comunque gli studenti potranno rientrare in classe il 14 settembre prossimo, in sicurezza, a questo scopo è stato riparametrato il numero degli alunni rispetto agli spazi delle classi”. 
Dibattito: 
Stefano Olimpieri: “spiace che due consiglieri non ci siano perché il dibattito a più voci è sempre più stimolante. Bene che in tempi medi si possa arrivare ad una progettazione e alla partenza dei lavori per il completamento della Complanare che risolverà i problemi di del traffico, vivibilità e acustici nelle zone di Orvieto Scalo e Sferracavallo. Già durante il mandato dell’Amministrazione Concina io stesso proposi di mettere in capo al programmi futuri del Comune la realizzazione del secondo stralcio che è essenziale per la piena funzionalità dell’opera. Stessa cosa dicasi per la salvaguardia del patrimonio della Rupe di Orvieto e del Colle di Todi che, dopo la prima legge speciale, oggi viene rifinanziata con 1 mln e 550 mila euro in tre annualità e che renderà possibile il rifacimento di piazze e la valorizzazione del PAAO. Una legge che per decenni abbiamo aspettato che venisse rifinanziata ed oggi è stato possibile acquisire questo risultato grazie al Sen. Luca Briziarelli che ha spinto per il rifinanziamento. Il progetto rupe-valle consentirà di recuperare la Fortezza Albornoz, un progetto che viene avanti da diversi anni e già intrapreso dall’Amministrazione Germani che oggi viene concretizzato dall’attuale amministrazione. Non meno importante è la possibilità di riqualificare una parte della rupe di Sugano per 900 mila euro. Somme quindi che vanno tutte a beneficio dell’economia. Il mio auspicio è che questi lavori pubblici vedano protagoniste le imprese del territorio. Reputo importante ripristinare il pianoro di via Roma che va riqualificarlo poiché quando venne realizzato il lavoro non era certo regola d’arte, tanto che oggi si dovrà procedere alla rimozione della guaina di impermeabilizzazione fra il primo e il secondo piano”.
Cons.ra Anna Celentano (“Progetto Orvieto”): “l’inserimento dell’intervento della rupe di Sugano è molto positivo e ne sono soddisfatta, come pure per gli interventi sulle strade comunali nelle frazioni che sono ricche di risorse ambientali che sono anch’esse attrattive turistiche in grado di muovere  l’economia”.
Cons.ra Mescolini Mescolini: “abbiamo ascoltato con interesse gli interventi. Finalmente con la volontà di dare continuità ad opere già avviate e a percorsi precedentemente intrapresi c’è in qualche misura un riconoscimento rispetto al lavoro svolto in passato. Le risorse provengono dallo Stato, dalla Regione e in parte dall’Ente che bene ha fatto ad intercettare i canali di finanziamento. Alcune risorse provengono anche dalle ‘Aree Interne’ forse fin troppo sottovalutate ma che si rivelano uno strumento valido, tenendo conto che strutture come il Palazzo del Gusto afferiscono ad un territorio vasto che condivide asset e risorse ambientali e paesaggistiche che consentiranno di sviluppare altre forme di turismo in grado di creare economia. Il progetto rupe-valle da un lato va nella direzione del riassetto idrogeologico dall’altro in quella della valorizzazione del patrimonio monumentale. Bene sentire che si porta avanti il progetto della chiesa di San Giacomo e la Complanare perché indica il senso di dare continuità alle cose, al di là del susseguirsi dei governi locali. Quanto all’accensione di nuovi mutui in questo caso mi preme sottolineare che un contributo è stato dato dall’uscita dallo stato di predissesto realizzata durante la precedente amministrazione. Oggi ci troviamo in una situazione di emergenza economica dovuta al Covid, si accendono nuovi mutui, quindi facciamo attenzione a quello che lasceremo in eredità a chi ci succederà. Attendiamo di conoscere i progetti”.
Cons. Umberto Garbini: “ho letto con attenzione il piano triennale e ringrazio l’Assessore Pizzo che ha dato la giusta attenzione alle scuole e la difesa del suolo. Una scelta meritevole per un territorio che spesso ha problemi di dissesto, lo stesso dicasi per la Complanare e per le manutenzioni in senso generale. Sull’intervento di una rotatoria in via Monte Nibbio chiedo precisazioni rispetto al suo posizionamento. Mi complimento per l’ottimo lavoro svolto anche dagli uffici per interventi che riguardano le manutenzioni e l’ambiente”.
Replica Assessore Pizzo: “i 900 mila euro stanziati per la rupe di Sugano investono il Ministero dell’Ambiente, questione si è sbloccata e con la revisione della rendicontazione sui fondi regionali, speriamo di disporre di altre somme. Siamo ovviamente andati in continuità con il precedente piano pluriennale, così come per la Complanare o per il Palazzo del Gusto dove però la convenzione si è rivelata ‘capestro’ per il Comune di Orvieto ed il GAL non dava i soldi. I lavori rupe-valle vengono dalle ‘Aree Interne’ ma per la creazione di un nuovo progetto, il monitoraggio idrogeologico della Rupe viene invece dal rifinanziamento della legge speciale. Che il Comune sia uscito dal predissesto siamo tutti contenti ma per tre anni noi abbiamo contestato il modo con cui ci si è arrivati bloccando somme su quelle manutenzioni fondamentali per le quali oggi dobbiamo accendendo mutui, benché lo facciamo con grande parsimonia. La rotatoria di via Monte Nibbio è all’altezza dell’Hotel Umbria, necessaria secondo i tecnici per far defluire il traffico, presto speriamo di andare ad un incontro con Ferrovie dello Stato rispetto ad una serie di questiono fra cui il sottopasso”.
Olimpieri: “ringrazio Mescolini e Giovannini che sono rimasti in aula a dibattere su un atto importate per tutti i cittadini, un atteggiamento il loro che è qualificante. La replica tecnica e politica dell’Assessore ha migliorato la comprensione di tutti rispetto all’istruttoria di alcune scelte, come dimostra la Complanare. Molto importante il finanziamento delle manutenzioni delle strade che negli anni passati sono state azzerate e che oggi sommando le risorse triennali mettono in campo stanziamenti per la riqualificazione del territorio. Raccomando di controllare giorno per giorno il lavoro fatto dagli uffici per realizzare i progetti messi in campo. Foto favorevole”.
Cons. Alessio Tempesta (Capogruppo “Progetto Orvieto”): “ringrazio anche io i colleghi Mescolini e Giovannini che non si sono sottratti al dibattito consiliare. Un bilancio che definirei veramente sociale che si occupa a 360° dei problemi che non sono solo di carattere infrastrutturale e tecnico ma sociali e umani. Con rammarico però, anche oggi, ho assistito alla decisione di allontanarsi di due consiglieri, quando invece siamo su questi banchi a rappresentare la città che ci ha eletti. Reputo questo piano triennale e questo bilancio espansivo e non conservativo, reso possibile dall’ottimo lavoro fatto dall’Amministrazione sulla rinegoziazione dei boc. Voto favorevole”.
Mescolini: “ringrazio i consiglieri di maggioranza che hanno riconosciuto il nostro ruolo di consiglieri del PD, un ruolo che non è solo difensivo a tutti i costi del lavoro della passata amministrazione, ma che svolgiamo convintamente perché dobbiamo tutti concorrere a costruire. Sulla convenzione per il Palazzo del Gusto è giusto che si sia intrapreso un lavoro collaborativo fra Istituzioni che è riconosciuto peraltro nella ratio delle ‘Aree Interne’. Quindi ben venga la collaborazione e la continuità sui progetti condivisi che diano sviluppo al territorio. Ne prendiamo atto positivamente. Da parte nostra è doveroso dire però che grazie all’uscita dal predissesto oggi si possono fare mutui e si può guardare avanti. Laddove si stanno rivedendo progetti come quello della chiesa di San Giacomo si deve lavorare in sinergia con gli uffici tecnici. Annuncio il voto di astensione che ha il senso di recepire il lavoro in continuità con progetti già intrapresi dalla precedente amministrazione”.
Garbini: “voto a favore chiedendo però particolare attenzione per la realizzazione della rotatoria tenendo conto del cono visivo, dei raggi di curvatura e del LOS (level of service) che è la misura qualitativa per comprendere la gestione del flusso di traffico, onde evitare come spesso è accaduto, che le valutazioni iniziali si sono rivelate incompatibili”.